sara

Topakustik, 4akustik, soluzioni per il rumore, acustica, abbattere riverbero sonoro, soluzioni acustica, mobili da ufficio, forniture per uffici, migliorare l'acustica, rivestimenti fonoassorbenti a parete, box acustici, room in room, acoustic room

Chiedi un
preventivo

Calcolatore acustico

Clicca QUI per accedere al Calcolatore acustico
Siamo a disposizione anche per stime o un progetti di bonifica acustica (basati su rilievo fonometrico e/o sofware per l’auralizzazione del suono con progetto e misurazioni svolte da un Ingeniere acustico Abilitato)

Calcolatore acustico

Clicca QUI per accedere al Calcolatore acustico
Siamo a disposizione anche per stime o un progetti di bonifica acustica (basati su rilievo fonometrico e/o sofware per l’auralizzazione del suono con progetto e misurazioni svolte da un Ingeniere acustico Abilitato)

Calcolatore acustico

Clicca QUI per accedere al Calcolatore acustico
Siamo a disposizione anche per stime o un progetti di bonifica acustica (basati su rilievo fonometrico e/o sofware per l’auralizzazione del suono con progetto e misurazioni svolte da un Ingeniere acustico Abilitato)

La fonoassorbenza

La fonoassorbenza, è la capacità di un materiale di dissipare l’energia sonora convertendola in calore.
Le strutture di risonanza sono costituite da pannelli di materiale non poroso sui quali vengono praticati dei fori di opportune dimensioni e vengono montati ad una certa distanza dalla superficie da trattare. Un siffatto sistema produce un effetto di fonoassorbimento fondato sul principio di Helmholtz.
La massa d’aria contenuta nei fori del pannello costituisce, con il volume d’aria dell’intercapedine retrostante, un sistema meccanico del tipo “massa-molla”, dotato quindi di una propria frequenza di risonanza, in corrispondenza della quale il sistema è in grado di assorbire una considerevole parte di energia.

Il nostro segreto?
Un innovativo sistema fonoassorbente a lamelle che utilizziamo per la creazione di paretine divisorie, pannelli e controsoffitti; è un materiale che garantisce elevate prestazioni di assorbimento acustico.
La performance è accentuata da opportuni isolanti in fibra  di poliestere posti sul retro del rivestimento; è un prodotto che nella sua totalità riesce ad avere elevati coefficienti di fonoassorbenza nei confronti delle frequenze sonore più comuni.

La fonoassorbenza

La fonoassorbenza, è la capacità di un materiale di dissipare l’energia sonora convertendola in calore.
Le strutture di risonanza sono costituite da pannelli di materiale non poroso sui quali vengono praticati dei fori di opportune dimensioni e vengono montati ad una certa distanza dalla superficie da trattare. Un siffatto sistema produce un effetto di fonoassorbimento fondato sul principio di Helmholtz.
La massa d’aria contenuta nei fori del pannello costituisce, con il volume d’aria dell’intercapedine retrostante, un sistema meccanico del tipo “massa-molla”, dotato quindi di una propria frequenza di risonanza, in corrispondenza della quale il sistema è in grado di assorbire una considerevole parte di energia.

Il nostro segreto?
Un innovativo sistema fonoassorbente a lamelle che utilizziamo per la creazione di paretine divisorie, pannelli e controsoffitti; è un materiale che garantisce elevate prestazioni di assorbimento acustico.
La performance è accentuata da opportuni isolanti in fibra  di poliestere posti sul retro del rivestimento; è un prodotto che nella sua totalità riesce ad avere elevati coefficienti di fonoassorbenza nei confronti delle frequenze sonore più comuni.

La fonoassorbenza

La fonoassorbenza, è la capacità di un materiale di dissipare l’energia sonora convertendola in calore.
Le strutture di risonanza sono costituite da pannelli di materiale non poroso sui quali vengono praticati dei fori di opportune dimensioni e vengono montati ad una certa distanza dalla superficie da trattare. Un siffatto sistema produce un effetto di fonoassorbimento fondato sul principio di Helmholtz.
La massa d’aria contenuta nei fori del pannello costituisce, con il volume d’aria dell’intercapedine retrostante, un sistema meccanico del tipo “massa-molla”, dotato quindi di una propria frequenza di risonanza, in corrispondenza della quale il sistema è in grado di assorbire una considerevole parte di energia.

Il nostro segreto?
Un innovativo sistema fonoassorbente a lamelle che utilizziamo per la creazione di paretine divisorie, pannelli e controsoffitti; è un materiale che garantisce elevate prestazioni di assorbimento acustico.
La performance è accentuata da opportuni isolanti in fibra  di poliestere posti sul retro del rivestimento; è un prodotto che nella sua totalità riesce ad avere elevati coefficienti di fonoassorbenza nei confronti delle frequenze sonore più comuni.

Suono e riverbero

[il suono è la sensazione acustica determinata dalle onde sonore emesse da una sorgente che, propagandosi in aria o in un qualunque mezzo elastico, giungono all'orecchio e vengono trasmesse al timpano].
Tutto intorno a noi è pieno di suoni; il suono è ovunque. Analizzando questo aspetto come punto di partenza capiamo immediatamente che per vivere e lavorare bene è importante una progettazione responsabile degli spazi, in quanto la qualità acustica di un ambiente dipende in maniera intrinseca dalle sue geometrie, dimensioni e modalità di utilizzo; ed in maniera estrinseca dal tipo di materiale fonoassorbente usato e dalla sua disposizione.

[il riverbero è un fenomeno acustico legato alla riflessione dell’onda sonora da parte di un ostacolo posto davanti alla fonte che lo ha generato; é dato da multiple riflessioni dell’onda sonora sulle superfici che determinano l’ambiente].
Il primo parametro valutato per il controllo della qualità acustica di un ambiente è la riverberazione di un suono da cui ne segue il tempo di riverberazione (il tempo necessario affinchè un’onda sonora emessa in uno spazio chiuso diminuisca la sua intensità di 60 decibel, ovvero fino a diventare impercettibile) che è inversamente proporzionale all’assorbimento acustico totale dell’ambiente.

Come calcolare la quantità di materiale fonoassorbente che occorre?

La quantità, in mq, di materiale fonoassorbente la si può calcolare gratuitamente nella sezione:”calcolatore acustico”,
oppure possiamo fornirvi un progetto di bonifica acustica basato su rilievo fonometrico e/o sofware per l’auralizzazione del suono: il progetto e le misurazioni verranno svolte da un Ingeniere acustico Abilitato.

Suono e riverbero

[il suono è la sensazione acustica determinata dalle onde sonore emesse da una sorgente che, propagandosi in aria o in un qualunque mezzo elastico, giungono all'orecchio e vengono trasmesse al timpano].
Tutto intorno a noi è pieno di suoni; il suono è ovunque. Analizzando questo aspetto come punto di partenza capiamo immediatamente che per vivere e lavorare bene è importante una progettazione responsabile degli spazi, in quanto la qualità acustica di un ambiente dipende in maniera intrinseca dalle sue geometrie, dimensioni e modalità di utilizzo; ed in maniera estrinseca dal tipo di materiale fonoassorbente usato e dalla sua disposizione.

[il riverbero è un fenomeno acustico legato alla riflessione dell’onda sonora da parte di un ostacolo posto davanti alla fonte che lo ha generato; é dato da multiple riflessioni dell’onda sonora sulle superfici che determinano l’ambiente].
Il primo parametro valutato per il controllo della qualità acustica di un ambiente è la riverberazione di un suono da cui ne segue il tempo di riverberazione (il tempo necessario affinchè un’onda sonora emessa in uno spazio chiuso diminuisca la sua intensità di 60 decibel, ovvero fino a diventare impercettibile) che è inversamente proporzionale all’assorbimento acustico totale dell’ambiente.

Come calcolare la quantità di materiale fonoassorbente che occorre?

La quantità, in mq, di materiale fonoassorbente la si può calcolare gratuitamente nella sezione:”calcolatore acustico”,
oppure possiamo fornirvi un progetto di bonifica acustica basato su rilievo fonometrico e/o sofware per l’auralizzazione del suono: il progetto e le misurazioni verranno svolte da un Ingeniere acustico Abilitato.

Suono e riverbero

[il suono è la sensazione acustica determinata dalle onde sonore emesse da una sorgente che, propagandosi in aria o in un qualunque mezzo elastico, giungono all'orecchio e vengono trasmesse al timpano].
Tutto intorno a noi è pieno di suoni; il suono è ovunque. Analizzando questo aspetto come punto di partenza capiamo immediatamente che per vivere e lavorare bene è importante una progettazione responsabile degli spazi, in quanto la qualità acustica di un ambiente dipende in maniera intrinseca dalle sue geometrie, dimensioni e modalità di utilizzo; ed in maniera estrinseca dal tipo di materiale fonoassorbente usato e dalla sua disposizione.

[il riverbero è un fenomeno acustico legato alla riflessione dell’onda sonora da parte di un ostacolo posto davanti alla fonte che lo ha generato; é dato da multiple riflessioni dell’onda sonora sulle superfici che determinano l’ambiente].
Il primo parametro valutato per il controllo della qualità acustica di un ambiente è la riverberazione di un suono da cui ne segue il tempo di riverberazione (il tempo necessario affinchè un’onda sonora emessa in uno spazio chiuso diminuisca la sua intensità di 60 decibel, ovvero fino a diventare impercettibile) che è inversamente proporzionale all’assorbimento acustico totale dell’ambiente.

Come calcolare la quantità di materiale fonoassorbente che occorre?

La quantità, in mq, di materiale fonoassorbente la si può calcolare gratuitamente nella sezione:”calcolatore acustico”,
oppure possiamo fornirvi un progetto di bonifica acustica basato su rilievo fonometrico e/o sofware per l’auralizzazione del suono: il progetto e le misurazioni verranno svolte da un Ingeniere acustico Abilitato.

ASSORBIMENTO ACUSTICO
[o fonoassorbenza, è la capacità di un materiale di dissipare l’energia sonora convertendola in calore]
Le strutture di risonanza sono costituite da pannelli di materiale non poroso sui quali vengono praticati dei fori di opportune dimensioni e vengono montati ad una certa distanza dalla superficie da trattare. Un siffatto sistema produce un effetto di fonoassorbimento fondato sul principio di Helmholtz.
La massa d’aria contenuta nei fori del pannello costituisce, con il volume d’aria dell’intercapedine retrostante, un sistema meccanico del tipo “massa-molla”, dotato quindi di una propria frequenza di risonanza, in corrispondenza della quale il sistema è in grado di assorbire una considerevole parte di energia.

Il nostro segreto?
Un innovativo sistema fonoassorbente a lamelle che utilizziamo per la creazione di paretine divisorie, pannelli e controsoffitti; è un materiale che garantisce elevate prestazioni di assorbimento acustico.
La performance è accentuata da opportuni isolanti in fibra  di poliestere posti sul retro del rivestimento; è un prodotto che nella sua totalità riesce ad avere elevati coefficienti di fonoassorbenza nei confronti delle frequenze sonore più comuni.

Privacy and Cookies Policy